Biblioteca Città di Arezzo

Biblioteca Città di Arezzo

L'Asilo prediletto dei libri

Quando
29 April 2022
Orario
17:30 — 19:30
Dove
Arezzo, sala conferenze
Altre date
05 May 2022 12 May 2022 20 May 2022
Categorie
Conferenza/Dibattito, Libri, Mostra

L’ASILO PREDILETTO DEI LIBRI

Studiosi ed esperti dialogano sulle nuove acquisizioni antiche della Biblioteca

 

“La Biblioteca pubblica di Arezzo è stata il mio asilo prediletto fino dalla mia età si può dire fanciullesca e lo è specialmente adesso, che vi presiedo da circa trent’anni … Il principale mio intendimento è stato di formarvi una raccolta paesana, cioè di quanti libri stampati o manoscritti, che alla città e alla provincia di Arezzo si riferiscono”. Con queste parole lo studioso e storico Gian Francesco Gamurrini nel 1910 ripercorreva la sua attività trentennale ed il profondo legame con la biblioteca di Arezzo.

I suoi intendimenti sono validi ancor oggi e per continuare ad implementare le raccolte della Biblioteca non solo di testi e di materiali multimediali moderni, il Consiglio di Amministrazione ha deciso di acquistare libri manoscritti e a stampa antichi, che sono la testimonianza della cultura e della società aretina nei secoli passati.

Sono stati acquistati, perciò, cinque testi antichi di notevole importanza: due manoscritti unici che riportano gli ‘Statutini della Città d’Arezzo scritti l’anno 1704’ e gli ‘Scherzi poetici composti da Lometo Gobarlosi (Bartolomeo Golfi)’ composto da 4 volumi manoscritti del 1786-1817. Sono entrati a far parte del patrimonio a stampa della Biblioteca i volumi estremamente rari: ‘Dialogo nel quale si parla del gioco con moralità piacevole di Pietro Aretino’ pubblicato a Venezia nel 1545, ‘Delle lodi di monsignore Alessandro Strozzi vescovo di Arezzo’ di Giovanni Battista Capalli, pubblicato nel 1682 e infine l’ Opera nova della vita & morte della diva & seraphica S. Catharina da Siena’ di Giovanni Pollio, detto il Pollastra stampato a Venezia nel 1511.

I volumi saranno presentati a cittadini e curiosi in un ciclo di 5 incontri, uno per ogni volume acquistato, per la valorizzazione e la comprensione dell’importanza di avere nella biblioteca cittadina volumi di un così alto valore documentario.

Il ciclo di incontri nasce dalla collaborazione tra il Comune di Arezzo, la Fondazione Guido d’Arezzo, l’Università degli studi di Siena - Dipartimento di Scienze storiche e del patrimonio culturale, la Rete documentaria Aretina con il patrocinio della Regione Toscana e il supporto della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica per la Toscana.

In ogni giornata di studio saranno presenti professori e studiosi di calibro nazionale che illustreranno e commenteranno i nuovi testi acquisiti.

Inaugurazione dell’evento venerdì 29 aprile con la presenza di autorità cittadine e regionali. Gli incontri, in calendario fino al 27 maggio, si terranno tutti in presenza nella sala conferenze della Biblioteca alle 17.30.